Donald Darko detto Donnie è un ragazzo con dei disturbi mentali che lo hanno portato a dar fuoco ad una casa abbandonata, anni fa. Nonostante sia un tipo in gamba, con una famiglia che lo ama e lo appoggia anche nelle scelte più discutibili. Donnie è in cura da una psicanalista che lo aiuta a combattere la sua schizofrenia; a lei confida del suo nuovo amico immaginario, Frank, un coniglio gigante che lo ha salvato da una morte assurda, ma che in cambio gli chiede di fare cose riprovevoli e sempre più pericolose.

Commedia italiana decisamente migliore di quello che passato in sala durante il periodo natalizio. Niente di che, ma si lascia vedere, in particolare per la splendida isola greca che fa da paesaggio alla vicenda. Il cast non è male (la migliore Anita Caprioli, a cui tra l’altro spetta un ruolo non facile), la regia discreta.

The Sun (2016)Board games are one of the ways we connect. Times, Sunday Times (2016)The advice is to use the latter far more liberally in connecting linked sentences. Times, Sunday Times (2016)That means no connecting flights and a short transfer once you touch down.

grazie a lei che questo attore italiano acquista una fama internazionale, riconosciuta in tutto il mondo (perfino dalle più alte istituzioni cinematografiche) per le sue qualità di attore. Tutto inizia dopo una particina nella mediocre pellicola Fango sulla metropoli (1965) di Henry Wilson, successivamente, seguono i musical Rita la zanzara (1966) e Non stuzzicate la zanzara, entrambi con Rita Pavone e diretti dalla suddetta autrice. Sono questi i primi film che sanciscono il sodalizio artistico fra la regista dagli immancabili occhiali bianchi e l’attore dalla voce roca, ma adattabile ad ogni tipo di dialetto.Alla fine degli anni Sessanta, il suo nome comincia così a essere presente nei titoli di testa di pellicole dirette da Bolognini, Lattuada, ma soprattutto Scola che gli offrirà finalmente la smisurata popolarità nella commedia nera Dramma della gelosia Tutti i particolari in cronaca (1970) con una strepitosa Monica Vitti e un altrettanto bravo Marcello Mastroianni.

Come tutti mi sono avvicinato al mondo dell giocando ai videogame, poi pian piano interessato al mondo del modding, poi allo sviluppo degli stessi (con scarsi risultati) e poi sono passato a cose “pi birichine”. Mi ritengo un ragazzo molto fortunato per avere la possibilit di fare un lavoro che mi appassiona e che sfida me e i miei collaboratori (molto pi bravi di me) tutti i giorni. Non rivendiamo soluzioni terze n siamo vendor di alcuna tecnologia di terze parti, tutte le tecnologie che sviluppiamo per i nostri clienti sono personalizzate in base alle esigenze del cliente stesso, anche molti dei tool che usiamo noi sono di nostra ideazione e sviluppo..