Conversation worldwide, however, differs along racial lines. Embargo on the Cuban people, unveils a nuanced racial analysis of the United States’ nemesis of over 50 years. In this country, our understandings of heroism have always been informed by an ugly past of racial prejudice and discrimination..

Ingaggiato da un pazzo, sadico killer ebanista per rubare 50 auto fallisce e viene quasi preso dalla continuaUn film tutto azione e inseguimenti, per nulla realistico e con una trama quasi inesistente. La storia è infatti solo un pretesto per una valanga di insignificanti americanate e per un inventario di bellissime automobili. Tra parentesi, i bellissimi modelli di automobili presentati sono l’unica ragione per cui non ho dato un bell’1 a questo film.

Il secondo, di carattere morale, riguarda il dramma di una vecchia signora che vorrebbe soltanto smettere di soffrire e lasciarsi morire. In entrambe le situazioni Benjamin si deve confrontare col medico algerino di Reda Kateb, stella francese della diversità che coltiva una mascolinità singolare. La loro compatibilità, mutuale e progressiva, produce la precisione dell’esercizio medico e dei gesti che accompagnano il proposito: la precarietà del mestiere della salute.

E il bikini. In questo caso largo ai modelli con reggiseno con ferretto e slip a vita alta. Assolutamente vietato il due pezzi con short e mutandina troppo sgambata non slancia come credete, sapete? Anzi, se avete qualche Kg in più sui fianchi li mette subito in mostra e con reggiseno a fascia, perché ‘schiaccia’ il seno rischiando di trasformarvi in un Barbapapà.

La trama non è un concentrato di idee difatti, oltre che a limitarsi ad un semplice complotto, non offre molto neanche riguardo alle gag di The Entertainer che qui fa la figura dell’ingenuo e alla fine, dell’ero e di turno. Una sceneggiatura per un film costruito su misura per lui, pienamente di stampo televisivo anche se interpretata da discreti attori quali Lucy Liu, Nicolette Sheridan, Will Patton e Mark Dacascos stranamente nel ruolo del cattivo. In generale una pellicola semplice di cui però ci si accontenta e, viste alcune scene comiche, che ti lascia anche con un sorriso sulla faccia.

Come manca un della “crisi” che coinvolge i coniugi Walling, e cos vediamo la personalit di Paige (Kathleen Keener) emergere alla follia solo quando i giochi sono fatti. In una scena neanche troppo umoristica, la donna sfascia il giardino in auto e poi tenta di investire il marito.The Oranges chiamarlo cos pi rassicurante risulta un film che vive di soli accenni, smarrendosi nei troppi personaggi e stituazioni che vorrebbe illustrare ma non concretizza. Come se l interesse fosse la rottura dell iniziale, materiale narrativo troppo povero che gi appare dilatato per soli 90 minuti di film.