Mary (Jena Malone) è una buona cristiana che frequenta una buona scuola cristiana a Baltimora dove ha dei buoni amici cristiani, soprattutto Hilary Faye(Mandy Moore), e il suo perfetto ragazzo cristiano Dean (Chad Faust). La sua vita sembra perfetta fino al giorno in cui scopre che il suo Dean è gay. Dopo aver avuto una visione di Gesù nella sua piscina, fa di tutto per riportare il fidanzato sulla retta via, incluso concedergli la propria verginità.

E in grande anticipo sui concorrenti. I preordini sono infatti scattati addirittura lo scorso luglio. Il design sembra più rassicurante e solido (lenti polarizzate scure e montatura in celluloide) oltre che meno inusuale dei Glass. Cantautore statunitense prestato sporadicamente al cinema, Nat Wolff diventa celebre in America dopo essere diventato uno dei due protagonisti della sitcom musicale The Naked Brothers Band (2007 2009) su Nickelodeon, creata e prodotta dai suoi genitori.Figlio dell’attrice Polly Draper (discendente degli industriali Willam Henry Draper III e Tim Draper, dell’attrice Jesse Draper e del banchiere e diplomatico Willam Henry Draper Jr.) e del pianista jazz Michael Wolff, Nat nasce il 17 dicembre 1994 a Los Angeles, in California. L’infanzia ha ben poco spazio nella sua vita, visto che, cresciuto assieme al fratello minore Alex a New York City, è fin da subito in stretto contatto con il mondo dello spettacolo. Mentre il padre insegna ai due bambini a saper suonare alcuni strumenti musicali, è la madre a spingerli fortemente verso una carriera da attori prodigio, scegliendo per loro un’istruzione privata, più conciliabile con quelli che sono i loro impegni.The Naked Brothers BandLa carriera che Nat comincerà proprio al suo fianco in un spettacoli Off Broadway da lei scritti: “Getting Into Heaven” (2003) e “Heartbeat to Baghdad” (2004).

Do not spare Wei Kai charm. Taste stipple. Round pen based rather asked Miscellaneous parties sharp. Interprete brillante e intensa, la sua straordinaria mimica e duttilità l’hanno portata a essere una delle attrici di colore più rappresentative del cinema statunitense degli anni Ottanta. Rivelata da Stephen Spielberg nel commovente Il colore viola (1985), si è poi specializzata in caratterizzazioni farsesche con Jumpin’ Jack Flash (1986) di Penny Marshall e Affittasi ladra (1987) di Hugh Wilson. Negli ultimi anni ha lavorato anche come doppiatirce per film d’animazione.

E’ difficile districarsi nell’universo dei tanti stili a volte molto attuali, ma che durano il tempo di una stagione, che le case di moda propongono per l’estate. E’ giusto rimanere al passo con i tempi e rimanere ancorati al sentire estetico dei giorni e degli anni che passano ma spesso ci si ritrova poi a dover cambiare guardaroba con la frequenza con cui si cambia l’acqua ad una pianta fragile e costantemente esposta alle intemperie. Meglio allora avere qualche linea guida per un look evergreen moderno ma che non passa mai di moda ed ha quelle caratteristiche di touch senza tempo che solca i seasonal trend come un veliero si getta nei flutti e ne esce fuori come dire a testa alta.