Dolittle di Richard Fleischer con Rex Harrison e Richard Attenborough, seguito da qualche cartone animato come The Batman/Superman Hour (1968) di Hal Sutherland.Dopo aver lavorato con Sonny e Cher, Diana Ross, Loretta Lynn, Ann Margret e Neil Sedaka, si propone come attore nella pellicola di Peter Tewksbury, The Trouble with Girls (1969), dove ha occasione di recitare accanto a Elvis Presley, John Carradine e Vincent Price. Sotto contratto con la Disney, è uno degli attori che Robert Butler sceglie per ruoli secondari e che prevedono nel cast anche Kurt Russell, che infatti diventerà uno dei suoi compagni di set, agli inizi della carriera.Responsabile degli spettri vocali e degli effetti sonoriMa la professione di attore, nella carriera di Frank Welker è irrilevante, dato che è specializzato nel doppiaggio ed è tanto dotato da diventare il responsabile degli spettri vocali e degli effetti sonori di ben 40 anni di cinema e televisione statunitense e che passano per titoli come: Gremlins (1984), Explorers (1985), L’occhio del gatto (1985) e Il bambino d’oro (1986).I cartoni cui ha prestato la voceFra i pupazzi e i personaggi dei cartoni animati cui presta la sua voce possiamo indicare: i pupazzi del programma per bambini “Sesame Street” (1969); Scooby Doo; i Super Amici; Hong Kong Phooey; Tom Jerry; lo squalo Jabber; Fred Flintstones, Mr. Joe; Occy degli Snorky; Joe Dalton di Lucky Luke; Tiamat e Uni di Dungeons Dragons; Orbitty dei Pronipoti; Johnny Quest; Dr.

Passano quattro anni. Chuck tenta la carta disperata della fuga dall’isola. Con una zattera supera la barriera corallina. Sound Waves 15. Kinetic Theory of Gases, Calorimetry and Specific Heat of Gases 16. Thermodynamics 17. La fila scorre lentamente, intervallata da blackout di diversi minuti in cui non vengono chiamati numeri. L’ora di pranzo è scoccata, decine di utenti in fila hanno perso le speranze diimbandire la tavola davanti al tg. Una signora sbuffa: Speriamo che qualcuno molli e se ne torni a casa.

La caccia al pirata, a bordo di una Peugeot nera, è iniziata intorno alle 7 del giorno di Pasqua quando Martina Carta ha postato un paio di foto della macchina della madre, una Toyota Aygo, con il seguente messaggio: scusate ma per me non è Pasqua, stanotte alle 4,30 come potete vedere hanno dato una botta alla macchina di mia madre. La persona che gli ha dato la botta è pregato gentilmente di venire fuori: siamo tutti umani. So che è un inutile ma ci provo lo stesso grazie il sinistro è successo in via Garibaldi altezza accademia dello sport ore più tardi, dopo una lunghissima serie di di messaggi l a tutti della collaborazione.