Ray Ban Cats 1000

” vero che andavo alla Mostra del cinema di Venezia, è vero che quella volta ero andata a vedere Sleepers, è vero che ho incontrato De Niro a pochi centimetri di distanza. Ma, semmai, il mio mito era ed è Al Pacino. E poi, ho cominciato a studiare cinema dopo, e per strade tutte differenti”.Avevano accostato il tuo nome, a lungo, ad un progetto di biografia di Anna Magnani.

Martedì 17 giugno, al palasport di Copparo, a partire dalle 20, il Bar Gelateria Arcobaleno Final di Rero, l’Antica Legnaia Copparo e, appunto, l’Alcolica Viconovo, sfideranno le tre squadre, che saranno determinate dalle finali dei gironi cittadini del Kleb, in quelle che tradizionalmente saranno le supercoppe ferraresi. Nel corso della serata avranno luogo anche tutte le premiazioni del girone copparese. Poi il calcetto indoor andrà in vacanza, ma non gli organizzatori Csi.

Frittata all’italiana (1976), noto anche come La spacconata, è una nuova commedia sexy di Alfonso Brescia (1976) che Marco Giusti su Stracult definisce “una curiosissima porno commedia ambientata a Napoli”. Interpreti femminili: Karin Schubert, Dagmar Lassander e Sonia Viviani. Una madre e una figlia (Schubert e Viviani) mandano avanti un’azienda di falsi kimono giapponesi, mentre un padre e un figlio sono concorrenti nel solito campo.

Nonostante le indagini suscitino perplessità in alcuni responsabili del giornale, lentamente ma inesorabilmente vengono fatte scoperte sensazionali che coinvolgono le alte sfere della politica, la CIA, l’FBI e la Casa Bianca grazie al mitico Gola Profonda (l’informatore chiamato così sulla scia del celebre film con Linda Lovelace). Scoperte che, rese di pubblico dominio dagli articoli del giornale, suscitano dapprima indifferenza, ostilità e minacce sino a che non esplode in tutta la sua violenza il caso Watergate con le conseguenti condanne e le dimissioni del presidente Nixon.Dopo altre due discrete pellicole, il noir Vigilato speciale diretto ancora da Ulu Grosbard e Il segreto di Agatha Christie diretto da Michael Apted in cui torna a vestire i panni di un giornalista, vince finalmente l’Oscar, che avrebbe meritato già altre volte, in Kramer contro Kramer (1979) di Robert Benton, in cui fornisce una commovente e fiera interpretazione di un padre disoccupato che si ritrova solo col figlio dopo la fuga della moglie. Un film di grande successo che si aggiudicò anche gli Oscar come miglior film, migliore regia, sceneggiatura e migliore attrice (Meryl Streep) ma il film successivo del 1982, Tootsie, riscosse un successo di pubblico ancora maggiore.

Lascia un commento