Ray Ban Junior

Pi grave, molto pi grave, per il passaggio successivo, quello che trasforma un finto post su un finto account in una “vera” notizia degna della certificazione data dalla pubblicazione su una testata giornalistica. Una notizia notiziabile, una notizia da sparare subito in evidenza poich chiaramente portatrice di click e pageview. La notizia arriva cos laddove toccherebbe al giornalismo portare avanti le giuste verifiche.

Ciò che lui racconta colpisce l’emotività e non la razionalità delle persone: è come se il disegno entrasse in circolo, nel cuore e nel cervello dello spettatore, e non andasse mai via, anche a distanza di anni. Le persone sono così portate a identificarsi con una piccola bambina viziata che entra a servizio di una strega dalla testa enorme, con una principessa che protegge la natura, con il più grande ladro del mondo e anche con una streghetta che deve dimostrare che quello è il suo “mestiere” più appropriato. Nei suoi film Miyazaki dà sfogo alla sua creatività e alla sua fantasia, bilanciando il ritmo del film che, a ragion di forza, può essere anche interpretato come un film intimista, a volte anche privo di azione e autobiografico.

La tesi serviva a convincere il popolo americano a entrare in guerra contro Hitler: il presidente e il congresso ne erano già convinti. Cooper trasmise una passione di “giutizia forte e violenta” che cinque minuti dopo Pearl Harbor, tutto il popolo americano divenne guerriero. Con tanto di suggello di Oscar.

Parteciperà poi a Matrimonio al Sud (2015) di Paolo Costella e a Un Natale al Sud (2016) di Federico Marsicano, oltre che a Io che amo solo te (2015) di Marco Ponti e alla commedia sulla disabilità di Fabrizio Maria Cortese Ho amici in paradiso.”Scusate tutti”, riaccese le luci dopo la proiezione, Maurizio Battista introduce le sue scuse “preventive” per gli eventuali sbagli da principiante al cinema. Si parla di Una cella in due, film di Nicola Barnaba interpretato, oltre che da Battista, anche da Enzo Salvi, sceneggiatore insieme a Luca Biglioni. Commedia comica di due detenuti strampalati che diventano amici, uscirà domani in un centinaio di copie ed oggi è stata presentata alla Casa del Cinema di Roma.Barnaba, regista televisivo, spesso collaboratore di Giorgio Capitani, è meravigliato: “Non pensavo di esordire così al cinema ma le sfide mi entusiasmano.

Sarei curioso della natura di queste “credenziali” perch per quanto mi costa (e per varie normative che non ho sottomano al momento ma posso cercare se qualcuno curioso) non si conservano cose tipo pin in chiaro, password in chiaro ecc. Quindi il furto in teoria potrebbe riguardare al massimo “array” di nome cognome indirizzo (mail inclusa) telefono dei clienti. Certo non gradevole ma manco da strapparsi i capelli, nessuno di questi dati in effetti “segreto”..

Lascia un commento